Dizionario Tecnico
 dell'Automobilismo

La grande raccolta di termini riguardanti automobili e motori

Usura - Pag 1

Desidererei sapere: La frizione delle automobili con cambio manuale è soggetta a normale usura, e se sottoposta a sforzi notevoli ed estremi (traino di caravan in montagna), si può anche bruciare. Questa situazione si può anche presentare con un cambio automatico? Grazie per una gentile ed esatta risposta.

mose' (mosesorbo@virgilio.it)

Certo,che per andare fino a CUBA,e precisamente ad AVANA,in33giorni di piena liberta' con un caravan a rimorchio percorri sia montagna che pianura,certamente si brucia la frizione e che sia cambio meccanico,e che sia cambio automatico.E non volermene se,ho intrufolato nella risposta sia il tuo indirizzo E-mail,che fantasie del mio pensiero,l'ho fatto unicamente per sdrammatizzare.Ciao

godzillatdi (bechelli.l@tiscali.it)

Be' intanto una frizione si puo' bruciare anche senza necessariamente portare un carico come roulette o carrello con barca etc ! Il momento di maggior sforzo per la frizione e' quando la si rilascia per cominciare a inviare giri alle ruote e quindi la coppia disponibile ! e' ovvio che con un grosso peso la frizione ha una sollecitazione maggiore ma se il rilascio e' graduale e la partenza fluida la stessa compie il suo lavoro senza scaldare ! Questo per dire che avere una roulotte dietro e' meno deleterio che partire al semaforo sgommando se si effettua una partenza graduale ! POI UNA VOLTA PARTITI ANCHE SE FACESSIMO 5000 KM CON ROULOTTE AL SEGUITO LA FRIZIONE NON SUBISCE CONTRACCOLPI ( OVVIO CHE A OGNI PARTENZA CON DEI PESI L'USURA NORMALE AUMENTA E QUINDI LA DURATA COMPLESSIVA DELLA STESSA DIMINUISCE

PER ESSER CHIARO SE UNA MACCHINA USATA IN MODO NORMALE QUINDI(SENZA PARTIRE SGOMMANDO AL SEMAFORO NON TENENDO IL PIEDE SULLA FRIZIONE MENTRE SI GUIDA ETC ETC ) HA LA FRIZIONE CHE PUO' DURARE

100000 KM

VICEVERSA UNA MACCHINA COSTRETTA A PERCORSI TORTUOSI DOVENDO SEMPRE PORTARSI DIETRO DEI PESI (BRUCERA') UNA FRIZIONE IN 60-70000 KM !

OVVIAMENTE I MIEI DATI SONO INVENTATI MA E' PER RENDERE L'IDEA (CI SONO CASI DI FRIZIONI CHE SUPERANO ANCHE I 200000 KM )

EDO

ma se sgommo al semaforo, la frizione non dovrebbe consumarsi in maniera uguale a quando parto normalmente?....è vero che attacca più bruscamente, ma il tempo di attrito, è irrisorio....proprio perchè viene lasciata di colpo.....mentre se parto normalmente, certo attacca con meno forza, ma fa attrito per piu tempo.... il rapporto tra tempo di attrito e forza, dovrebbe essere uguale in ogni caso...è sbagliata questa teoria?

Minimal

La mia Mercedes 300-4Matic ha fatto 360.000 Km. in 8 anni senza nessun problema alla frizione (o per meglio dire al cambio automatico)

godzillatdi (bechelli.l@tiscali.it)

Be' in teoria il tempo di azionamento della frizione e' quello che determina il suo consumo , tuttavia bisogna considerare che quando si sgomma in realta' il tempo di azionamento della frizione e' maggiore rispetto a una partenza tranquilla in quanto finche la frizione e' anche minimamente sollecitata continua ad esercitare la sua azione di collegamento fra gruppo cambio-trasmissione e motore e il fatto di tenere accelerato per dare piu' giri alle ruote e permettere di sgommare sottopone la frizione a un lavoro di raccordo durissimo tant'e' vero che spesso oltre alle ruote si puo' sentire anche l'odore di frizione arrosto e questo certamente non gli fa bene !

per minimal

be' se hai fatto 300000 km in autostrada e' possibilissimo in quanto la frizione si consuma nel momento in cui parti o cambi marcia e quindi in autostrada che generalmente si tengono velocita piu' o meno costanti la frizione non'e sollecitata ma se tU Avessi fatto percorsi cittadini credo che i risultati sarebbero ben diversi !!!

rc

Per trainare una caravan con un SUV è meglio un cambio automatico o uno manuale. Grazie


Inserisci una risposta
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.