Dizionario Tecnico
 dell'Automobilismo

La grande raccolta di termini riguardanti automobili e motori

PULIZIA DEL DEBIMETRO

A dir la verita' le case costruttrici lo danno come pezzo a "manutenzione zero". E qui sarebbe lunga da raccontare la veridicità di tale affermazione. Diciamo che la pulizia andrebbe effettuata quando la macchina comincia a denunciare uno dei sintomi di malfunzionamento del debimetro. Ricordatevi che come ogni pezzo costoso della macchina, tende a una certa fragilita'. Se non si ha alcuna conoscenza meccanica o si tende al "diamo una botta" per farlo funzionare, consiglio di lasciar stare.Se però non si riesce a convivere con una macchina senza aprirgli il cofano almeno una volta al giorno, il mio consiglio è di pulirlo almeno ogni 50 mila Km. Ricordatevi che il tipo di strada che fate incide molto sul mantenimento di un debimetro pulito.

Iniziamo subito con quello che NON si deve fare:

- Non usare liquidi corrosivi (tipo benzina, alcool, diluente, ecc ecc).

- Non utilizzare oggetti appuntiti (ad esempio cacciavite ricoperto di un panno per poter pulire il film).

- Non usare il compressore a breve distanza.

- Non immergere il debimetro in liquidi.

- Evitare di dare colpi al debimetro per far cadere lo sporco.

Adesso passiamo a quello che si deve fare:

NB: In fondo alla pagina sono presenti le immagini per ogni passaggio della pulizia.

Passaggio 1. Lavorate su un tavolo o almeno assicuratevi di avere un piano sicuro sul quale lavorare.

Passaggio 2. Estraete il debimetro dal cilindro. Dovreste trovare sulla testa due viti resistorx (misura T20) autofilettanti. Se non si dispone della chiave appropriata, si puo' limare l'estremita' delle viti fino a renderle due dadi del 10.

Passaggio 3. Noterete una certa resistenza nell'estrarre il debimetro dal cilindro. Questo e' dovuto da un "O-ring" che serve a non avere infiltrazioni d'aria e acqua dal vano motore

Passaggio 4. Una volta estratto potete lavare il cilindro anche con acqua e detersivo (questo per eliminare i vapori di olio dalle retine). Importante e' ricordarsi di asciugarlo bene.

Passaggio 5. Adesso prendete il debimetro e utilizzare gli spray usati in elettronica per pulire i circuiti e contatti. Mantenete la cannuccia a una certa distanza (4-5 mm). Mi sono arrivate molte mail dove mi si dice che allo smontare il debimetro non hanno trovato la resistenza. Non è obbligatorio che ci sia. E' un sensore ausiliario e non e' montato su tutte le versione dei debimetri.

Passaggio 6. Il liquido si asciughera' rapidamente. Se avete fretta potrete utilizzare il compressore, MA ricordate di usare la pistola a distanza e la forza dell'aria non deve essere superiore a un soffio.

Passaggio 7. Controllate se il film è pulito. In caso non vi convinca la prima pulizia, ripetete il punto 6.

Passaggio 8. Rimontate il debimetro al cilindro e riponetelo al suo posto.

Buona guida!

Il webmaster declina ogni responsabilita' sul procedimento descritto e sui possibili danni derivati.

La pulizia del debimetro non si basa su una tecnica certa, ma su una possibile soluzione ai difetti del suddetto.

Non pulite il debimetro se non siete sicuri di quello che fate.

Si ringrazia Daniele Menichetti per i testi e le foto.

Immagini correlate:


Messaggi del Forum collegati:

Inserisci un nuovo messaggio

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.